“Condividere il buon fare” Interessante articolo di Paolo Marta!

Condividere il buon fare – di Paolo Marta   Pensare che una società sportiva si esprima solo attraverso il risultato ottenuto sul campo da gioco è come affermare che un genitore si possa giudicare dal benessere che garantisce alla propria famiglia. Se così fosse, avrebbe senso solo la vittoria.  Alla faccia del senso più profondo della parola partecipazione. E alla faccia del sapore, dolce e intenso, che ti rimane in bocca tutte le volte che puoi dire, a testa alta, […]

Continua a leggere

Non esistono nemici …

La mia è una famiglia credente. Da piccolo i miei genitori mi portavano ogni domenica in chiesa, il sabato mi mandavano a catechismo e ogni tanto a servire messa. Sono cresciuto respirando l’odore della chiesa, osservandone i chiaroscuri, avvertendone il peso dei silenzi. Ho imparato a rispettarne le regole, anche quelle non scritte. Ma il succo me lo ha insegnato mio padre, uomo profondamente credente, non a parole, ma nei fatti. Il mio primo maestro di rugby e’ stato Franco […]

Continua a leggere

doping

Il doping è l’uso di sostanze o medicinali con lo scopo di aumentare artificialmente il rendimento fisico e le prestazioni di un atleta. Il doping è vietato. Pertanto chi fa uso del doping bara. Con se stesso e con gli altri. Non solo. Doping significa anche esporsi ad effetti collaterali ingiustificati spesso pericolosi. In altre parole vuol dire farsi male. A livello fisico e a livello mentale anche perché quando il tifoso scopre che un atleta ha fatto uso di […]

Continua a leggere

La cultura del Fare 1. Mio nonno (Autore : Paolo Marta)

Quando ero piccolo, per fare i compiti ero talvolta affidato a mio nonno. In particolare accadeva quando, dopo aver letto una favola, dovevo fare un disegno per rappresentare ciò che mi aveva più colpito. Si sedeva affianco a me e, dopo avermi chiesto quello che avevo intenzione di fare, mi diceva quasi sempre: “No, non va bene” e partiva a descrivermi, con dovizia di particolari, quello che avrei dovuto disegnare dato che la favola, a suo avviso, voleva dire altro […]

Continua a leggere

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Cliccando su “ACCETTO”, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi la Privacy e Cookie policy